“Erano in uno stato di ‘eccezione’, e facevano quello che potevano. Era un modo per dare un ‘senso’ al vuoto di quelle giornate, facendo qualcosa di ‘buono’ e di utile; e nello stesso tempo si creava una ‘comunità’ tra persone di diversa provenienza e ceto sociale, che mai si sarebbero ritrovati in uno stesso luogo, in tempi normali.”