Gorgia, “Sulla natura o sul non essere”

Filosofia, gioco argomentativo e argument maps

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Gorgias.jpg

La filosofia è, al suo meglio, gioco argomentativo. Lasciamo perdere se, poi, i filosofi si prendono troppo sul serio!

In un libro di qualche anno fa, Ermanno Bencivenga catalogava i filosofi in tre ideal-tipi: il guardiano della tradizione, il ribelle, lo scetticoGorgia da Leontini appartiene sicuramente al terzo ideal-tipo del filosofo. Ma se ‘scettico’,  scettico rispetto a cosa? Non rispetto alla non esistenza di alcunché (nichilismo ontologico), come spesso si dice.

Io ho sempre visto il suo testo più famoso (almeno tra i filosofi), “Del Non essere o della natura”, come una rivendicazione scettica dell’impossibilità di fondare qualcosa di vero intorno alla realtà, fondandosi solo sul ragionamento a priori: un gioco d’intelligenza e insieme una confutazione della pretesa eleatica di legare “Essere” e “Pensiero”; la pretesa, cioè, che la logica da sola, il ragionamento stringente e costrittivo, a partire da definizioni assunte come evidenti, possano dirci qualcosa di assoluto e vero sulla realtà.

Confutazione che Gorgia ottiene usando proprio i modelli argomentativi di Parmenide, di Zenone e di Melisso, i filosofi “eleatici”, per dimostrare il contrario di ciò che loro pretendevano di avere dimostrato: l’esistenza dell’Essere, infinito (finito), immobile, unico, eterno ecc.

Continua a leggere ….

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: